Aria

Normativa Vigente

print

Ultima versione disponibile al 02/12/2022

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Decreto 26 novembre 2018

(Gu 15 dicembre 2018 n. 291)

Siti e criteri per l'esecuzione del monitoraggio degli impatti dell'inquinamento atmosferico sugli ecosistemi

Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni;

Vista la legge 17 luglio 2006, n. 233 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, recante disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei ministri e dei Ministeri. Delega al Governo per il coordinamento delle disposizioni in materia di funzioni e organizzazione della Presidenza del Consiglio dei ministri e dei Ministeri";

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante "Riforma dell'organizzazione del governo, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59" ed in particolare gli articoli da 35 a 40 relativi alle attribuzioni e all'ordinamento del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare;

Visto il decreto legislativo 30 maggio 2018, n. 81, recante attuazione della direttiva 2016/2284 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 dicembre 2016, concernente la riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici, ed in particolare l'articolo 7 che prevede una rete di monitoraggio degli impatti negativi dell'inquinamento atmosferico sugli ecosistemi, da istituire e da disciplinare mediante decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, da adottare sentite le regioni interessate e il Snpa in caso di riferimento a siti appartenenti a reti e/o sistemi di monitoraggio regionali;

Considerato che la rete di monitoraggio di cui al decreto legislativo 30 maggio 2018, n. 81 deve essere organizzata assicurando forme di coordinamento e di integrazione con i programmi previsti dalle normative vigenti in materia di monitoraggio ambientale;

Considerato che i criteri e le metodologie per l'esecuzione del monitoraggio possono essere individuati sulla base di quelli previsti nell'ambito della Convenzione di Ginevra del 1979 sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza (Lrtap);

Considerato che, per definire la struttura iniziale della rete di monitoraggio, è stata verificata la disponibilità del Comando carabinieri per la tutela della biodiversità e dei parchi nonchè del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) ad utilizzare, anche per le finalità in esame, i siti nazionali attualmente gestiti da tali Autorità per il monitoraggio in ambito della Convenzione internazionale Lrtap;

Considerato che la struttura iniziale della rete di monitoraggio può essere pertanto individuata sulla base di una serie di siti di monitoraggio attualmente gestiti dal Comando dei carabinieri e dal Cnr presso diverse zone del territorio italiano;

Decreta:

Articolo 1

Oggetto e ambito di applicazione

1. Ai sensi dell'articolo 7, comma 3, del decreto legislativo 30 maggio 2018, n. 81 il presente decreto stabilisce i siti di monitoraggio, i criteri per l'esecuzione del monitoraggio di cui al comma 1 della citata norma, inclusa l'individuazione degli indicatori e le frequenze e le modalità di rilevazione e comunicazione dei dati.

2. Il presente decreto non individua siti appartenenti a reti e sistemi di monitoraggio regionali.

Articolo 2

Siti e criteri di monitoraggio

1. I siti della rete di monitoraggio prevista dall'articolo 1, con l'indicazione dei parametri monitorati e delle frequenze di campionamento, sono riportati nell'allegato I al presente decreto.

2. Si applicano, per l'esecuzione del monitoraggio, le metodologie previste nei manuali elaborati nell'ambito della Convenzione di Ginevra sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza (Lrtap) i cui riferimenti sono indicati in allegato II.

Articolo 3

Comunicazione dei dati

1. Le Autorità responsabili della gestione dei siti della rete di monitoraggio trasmettono al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, ai fini della comunicazione alla Commissione europea prescritta dall'articolo 8 del decreto legislativo n. 81 del 2018:

entro il 30 aprile 2019, i dati del monitoraggio riferiti al secondo semestre del 2018;

ogni quattro anni, a partire dal 2022, entro il 30 aprile dell'anno di invio, i siti utilizzati negli anni civili precedenti, indicando i relativi periodi di esercizio ed i parametri monitorati;

ogni quattro anni, a partire dal 2023, entro il 30 aprile dell'anno di invio, i dati del monitoraggio riferiti agli anni civili precedenti.

2. Il formato da utilizzare per la trasmissione dei dati previsti dal comma 1 è riportato in allegato III.

Articolo 4

Norme finali

1. All'attuazione del presente decreto si fa fronte nell'ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

2. Gli allegati costituiscono parte integrante del presente decreto.

 

Roma, 26 novembre 2018

Allegato I

(Articolo 2)

Rete di monitoraggio degli impatti negativi dell'inquinamento atmosferico sugli ecosistemi

Tabella 1. Ecosistemi di acqua dolce

Codice nazionale Nome Rete di afferenza Localizzazione Parametri minimi monitorati Frequenza di campionamento
Latitudine Longitudine
IT01 Lago Paione inferiore ICP WATERS/ LTER 46,1669 8,1897 Temperatura dell’acqua, Alcalinità, SO4, NO3-N, Cl, TOC, pH, Ca, Mg, Na, K, NH4-N, Al totale, Conducibilità a 25°C, P-PO4, P totale, N totale, Silice reattiva, Capacità di neutralizzazione degli acidi - ANC Due volte l’anno
IT02 Lago di Mergozzo ICP WATERS 45,9556 8,4667 Temperatura dell’acqua, Alcalinità, SO4, NO3-N, Cl, TOC, pH, Ca, Mg, Na, K, NH4-N , Al totale, Conducibilità a 25°C, P-PO4, P totale, N totale, Silice reattiva, Capacità di neutralizzazione degli acidi - ANC, Trasparenza, Ossigeno disciolto Due volte l’anno
IT03 Lago Paione superiore ICP WATERS/ LTER 46,1739 8,1908 Temperatura dell’acqua, Alcalinità, SO4, NO3-N, Cl, TOC, pH, Ca, Mg, Na, K, NH4-N, Al totale, Conducibilità a 25°C, P-PO4, P totale, N totale, Silice reattiva, Capacità di neutralizzazione degli acidi - ANC Due volte l’anno
IT04 Torrente Cannobino ICP WATERS 46,0681 8,6949 Temperatura dell’acqua, Alcalinità, SO4, NO3-N, Cl, TOC, pH, Ca, Mg, Na, K, NH4-N, Al totale, Conducibilità a 25°C, P totale, N totale, Capacità di neutralizzazione degli acidi - ANC Mensile

 

Tabella 2. Ecosistemi terrestri — Fase solida

Codice nazionale Nome Rete di afferenza Localizzazione Parametri minimi monitorati Frequenza di campionamento
Latitudine Longitudine
ABR1 Selva Piana CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
41,8497 13,5885 I. Saturazione in basi, pH, rapporto C/N suolo

II. Bilancio nutrienti foliari (N, P, K, Mg, Ca, S, C, - cg/g)

III. Crescita vegetazione (accrescimenti, %)

IV. Danni fogliari (% alberi def > 25%, % alberi def > 60%, mortalità)

V. Biodiversità vegetale: densità delle specie (presenza/abbondanza), struttura comunità (indicatori ecologici, specie aliene, ecc.)
I. ogni 10 anni


II. ogni 2 anni


III. ogni 5 anni


IV. annuale



V. annuale
CAL1 Piano Limina CONECOFOR-ICP
Forests
38,4167 16,1667
EMI1 Carrega CONECOFOR-ICP
Forests/ MOTTLES
44,7194 10,2034
LAZ1 Monterufeno CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
42,8274 11,8981
PIE1 Val Sessera CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
45,6837 8,0699
VEN1 Pian di Cansiglio CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
46,0579 12,3821

 

Tabella 3. Ecosistemi terrestri — Danni da ozono e meteorologia

Codice nazionale Nome Rete di afferenza Localizzazione Parametri minimi monitorati Frequenza di campionamento
Latitudine Longitudine
ABR1 Selva Piana CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
41,8497 13,5885 I. Precipitazione e contenuto di acqua nel suolo (10 cm e 2 m)

II. Radiazione solare, temperatura, umidità e pressione dell’aria, velocità e direzione del vento, concentrazione di ozono.

III. Danni visibili fogliari indotti dall’ozono (presenza / assenza e percentuale di foglie danneggiate).

IV. Flusso di ozono e eccedenze dei livelli critici (con modelli DO3SE)

V. (solo per CPZ1) Flussi di carbonio, di ozono ed evapotraspirazione a livello di intero ecosistema
I. Raccolta ogni minuto e registrazione ogni ora

II. Raccolta ogni 10 secondi e registrazione come valori medi orari


III. Annuale



IV. Annuale


V. Semioraria
CAL1 Piano Limina CONECOFOR-ICP Forests 38,4167 16,1667
CPZ1 Castelporziano MOTTLES/ICOS 41,7042 12,3571
CPZ2 Castelporziano MOTTLES/CREA-FL 41,7042 12,3573
CPZ3 Castelporziano MOTTLES/CREA-FL 41,6806 12,3908
EMI1 Carrega CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
44,7194 10,2034
LAZ1 Monterufeno CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
42,8274 11,8981
INTERRE
G1
Demonte/
Valloriate
INTERREG ALCOTRA
MITIMPACT 1671
44,3458 7,3121
PIE1 Val Sessera CONECOFOR-ICP Forests/MOTTLES 45,6837 8,0699
TRE1 Passo Lavazè CONECOFOR-ICP Forests/MOTTLES 46,3595 11,4931
VEN1 Pian di Cansiglio CONECOFOR-ICP Forests/MOTTLES 46,0579 12,3821

 

Tabella 4. Ecosistemi terrestri — Fase liquida

Codice nazionale Nome Rete di afferenza Localizzazione Parametri minimi monitorati Frequenza di campionamento
Latitudine Longitudine
ABR1 Selva Piana CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
41,8497 13,5885 I. Deposizioni: pH, conducibilità, Ca, Mg, Na, K, NH4-N, NO3-N, SO4-S, Cl, P, alcalinità, N totale, DOC

II. Soluzioni del suolo: pH, conducibilità, Ca, Mg, Na, K, NH4-N, NO3-N, SO4-S, Cl, N totale, lisciviazione dei nitrati e dei cationi basici dal suolo

I. Settimanale



II. Quindicinale
CAL1 Piano Limina CONECOFOR-ICP
Forests
38,4167 16,1667
EMI1 Carrega CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
44,7194 10,2034
LAZ1 Monterufeno CONECOFOR-ICP
Forests/LTER/MOTTLES
42,8274 11,8981
PIE1 Val Sessera CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
45,6837 8,0699
VEN1 Pian di
Cansiglio
CONECOFOR-ICP
Forests/MOTTLES
46,0579 12,3821

Allegato II

(Articolo 2)

Metodologie per l'esecuzione del monitoraggio

— ICP Waters Programme Manual — ICP Waters Report 105/2010 e successivi aggiornamenti, prodotto dall'International Cooperative Programme on Assessment and Monitoring Effects of Air Pollution on Rivers and Lakes (ICP Waters) in the framework of the Convention on Long Range Transboundary Air Pollution disponibile sul sito dello ICP Waters: http://www.icp-waters.no/publications/

— Manual on methods and criteria for harmonized sampling, assessment, monitoring and analysis of the effects of air pollution on forests — Revisione 2016 e successivi aggiornamenti, prodotto dall'International Cooperative Programme on Assessment and Monitoring Effects of Air Pollution on Forests (ICP Forests) in the framework of the Convention on Long Range Transboundary Air Pollution disponibile sul sito dello ICP Forests: http://icp-forests.net/page/icp-forests-manual

— Manual on Methodologies and Criteria for Modelling and Mapping Critical Loads and Levels and Air Pollution Effects, Risks and Trends — 2004 e successivi aggiornamenti, prodotto dall'International Cooperative Programme on Modelling and Mapping of Critical Levels and Loads and Air Pollution Effects, Risks and Trends (ICP M&M) in the framework of the Convention on Long Range Transboundary Air Pollution con il contributo dell'International Cooperative Programme on Effects of Air Pollution on Natural Vegetation and Crops (ICP Vegetation) per la stesura del capitolo 3 "Mapping critical levels for vegetation" disponibile sul sito dello ICP M&M: https://icpmapping.org/Latest_update_Mapping_Manual

— Integrated Monitoring Programme Manual — 2017 e successivi aggiornamenti, prodotto dall'International Cooperative Programme on Integrated Monitoring of Air Pollution Effects on Ecosystems (ICP IM) in the framework of the Convention on Long Range Transboundary Air Pollution disponibile sul sito del Finnish Environment Institute: http://www.syke.fi/enUS/Research__Development/Ecosystem_services/Monitoring/Integrated_Monitoring/Manual_for_Integrated_Monitoring

Allegato III

(Articolo 2)

Metodologie per l'esecuzione del monitoraggio

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598