News - Aggiornamento normativo

Cambiamenti climatici

Milano, 30 ottobre 2014

Emission trading, Ue individua settori “in deroga”

Cambiamenti climatici

(Alessandro Geremei)

Emission trading, Ue individua settori “in deroga”

È contenuto nella decisione 2014/746/Ue l’elenco dei settori e dei sottosettori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle attività, che beneficeranno di quote gratuite di emissione nel periodo 2015-2019.

 

Per far questo, la Commissione ha valutato 245 settori industriali e 24 sottosettori classificati alle voci "Attività estrattive" e "Attività manifatturiere" della classificazione Nace. Tra le novità, si segnala l’ingresso del settore della “Fabbricazione di malto”, mentre sono state confermate le valutazioni qualitative già effettuate — per il 2013 e il 2014 — in relazione ai settori "Finissaggio dei tessili", "Fabbricazione di mattoni, tegole ed altri prodotti per l'edilizia in terracotta”, "Fabbricazione di prodotti in gesso per l'edilizia”, "Fusione di ghisa” e "Fusione di metalli leggeri”.

 

La decisione 2014/746/Ue, pubblicata sulla Guue del 29 ottobre 2014, sarà applicabile a partire dal 1° gennaio 2015, data a partire dalla quale andrà in soffitta la prima decisione Ue sul “carbon leakage”, n. 2010/2/Ue, che ha individuato settori e sottosettori “in deroga” per il 2013 e il 2014.

documenti di riferimento
Decisione Commissione Ue 2014/746/Ue

Emission trading - Elenco dei settori e dei sottosettori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio (cd. "carbon leakage") per il periodo dal 2015 al 2019

Decisione Commissione Ce 2010/2/Ce

Emission trading - Determinazione di un elenco dei settori e dei sotto settori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2003/87/Ce

Istituzione di un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra - Emission trading system (Eu Ets)

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598